Un the nel deserto

Come sottofondo si consiglia questo.

Non so se ve ne siete accorti, ma sono sparito ancora una volta.

Anche questa volta è successo per colpa del lavoro. Ho dovuto organizzare in fretta e furia una trasferta in un posto abbastanza lontano, e adesso sono ancora lì.

Ci sono delle cose piacevoli in questa trasferta, prima fra tutte quella di essere tornato a fare un viaggio abbastanza lungo, di frequentare la mia amata Lufthansa e soprattutto la sua business class.
Ma mi è anche piaciuto tornare a fare una cosa che in fondo amo, ovvero avere contatto con chi utilizza o potrebbe utilizzare i prodotti, di spiegarne loro i pregi e (poco) i difetti, di rispondere alle loro domande…
E infine mi piace sempre visitare dei luoghi dove non sono mai stato.

Le cose meno piacevoli sono che questo non è certamente un posto che offra molto, se si fa eccezione per tanta tanta sabbia.
Inoltre fa un po’ caldino, con temperature che oscillano fra i 45 e i 51 gradi (con un furioso vento caldissimo che peggiora la sensazione di disagio).
Ma in ogni caso, almeno finora, non c’è stato spazio per annoiarsi o per morire di caldo all’aperto, perché ho perlopiù lavorato, anche (anzi soprattutto) sabato e domenica scorsa (qui la domenica non è festa).

Sono stato abbastanza lontano dalla rete, e adesso in posta ho più di centosessanta notifiche di commenti o post nuovi, e non so se e quando riuscirò a smistarli.

Il pochissimo tempo in cui sono stato connesso l’ho usato per leggere qualche notizia dal mondo e dall’Italia, in modo da sapere di Grillo e le sue battute sulla Bindi, di B. e della replica della sua discesa in campo (inclusiva di revival del nome antico…), e infine di questo slancio morale del succitato e dei suoi accoliti che chiedono a gran voce le dimissioni della Minetti, che però pare intenzionata a negoziare…
Lo spread sale, la Sicilia sta per fallire, Moody’s imperversa…
Beh, forse era meglio se non andavo a guardare, ché restavo più sereno…

A presto!

Sand_1

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Juke Box, Viaggi, Vita e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Un the nel deserto

  1. LadyLindy ha detto:

    fico! Ho capito che sei in un posto desertico, ma dove di preciso? Sei in uno di quegli emirati tamarri?

    • paperi si nasce ha detto:

      Ebbene sì, tamarrissimi… Mi si perdoni il pensiero poco politicamente corretto, ma è uno di quei posti dove, quando ci vai, ti convinci della superiorità della cultura europea…
      A parte gli scherzi, il tamarrismo di quei posti purtroppo è proprio nella reinterpretazione ostentata dei peggio stereotipi occidentali!

  2. Lilla ... ha detto:

    in pratica, sei in uno di quei posti dove per fare il the, basta mettere il bollitore sulla sabbia!! :-)
    Ma come, parti per un posto cosi, cosi … ‘particolare’ e prendi l’aereo!!! Ma noooo!! Questa era una trasferta da ‘avventure nel mondo’!!! Mezzi di trasporto consigliati: gommone + cammello!!! ;-)

  3. micmonta ha detto:

    Ah, sei a Tirrenia; anzi no forse è il campo sportivo che ho vicino casa a giudicare dall’erba.
    Ce lo fai un quiz geografico ?

  4. fab ha detto:

    Prendi il the insieme a Nando? anche lui mi pare, stia da quelle parti..
    mmm….un pò caldo, e pensare che ci siamo lamentati dei nostri 37 gradi..non credo visiterei un deserto

  5. mizaar ha detto:

    ti piacerebbe passare inosservato, eh? e no, invece, le viperette se n’erano accorte che non c’eri. a me mancano i tuoi commenti, a sily manchi proprio tu, sennò chi sfotte? :-D torna presto, in queste condizioni milano è quasi meglio! smack smack ♥ ♣

    • paperi si nasce ha detto:

      E come faccio a lasciare sole le mie “viperette”? Tornerò presto a lasciare commenti ai tuoi post, e a farmi sfottere da Sily…

      • silykot ha detto:

        Viperetta presente all’appello!
        (per una volta che stavo buona buona, subito pronta a tirarmi per la giacchetta, Virgy…. Non si fa!)
        Sì dai, Papero, smetti di farti mandare in giro per i deserti e torna a respirare un po’ di sano smog metropolitano….. Vabbè, te lo dico….ci sentiamo un po’ sole senza di te (mo’ si sente un sultano, e chi lo tiene più?)

        Però vien da chiedersi…..Ma poi quando torni, resti per un po’ o attacchi le vacanze alla trasferta??? :-D

  6. mizaar ha detto:

    se non te ne fossi accorto abbiamo imparato, in tua assenza, a fare cuori e fiori. artefice e maestra, kali!! ( che si deve fare per avere un blog! :-D )

  7. arielisolabella ha detto:

    caro Fede un bacio evaporato ed un augurio per un po’ di fresco e …riposo!! :-)

  8. kalissa2010 ha detto:

    Bene, ormai sarai a casa, magari hai già goduto del refrigerio della pioggia Finlandese…ma tutta la sabbia che hai lasciato qui chi la toglie?
    *Vrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!*
    Fatto!
    Con l’aspirapolvere è un attimo!
    Tutto pulito!
    Come?
    Mancavano i picche?
    Ci sono, ci sono!
    Alt-6! Senza trattino.
    Ma non temere: non ne lascio qui. ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...