Mosca – Londra – Casa

Sono tornato da Mosca. Sulla via del ritorno ho avuto una parentesi a Londra, non solo di lavoro.
Era una vita che non riuscivo a rimanere a Londra qualche giorno a fare il turista.
Di Londra mi piacciono tante cose… Mi piace la vita, la civiltà, i servizi, i divertimenti, la modernità…
E’ difficile vedere in un’altra città (non parliamo delle nostre, pur meravigliose…) una continua ricerca del cambiamento, della modernità, di soluzioni innovative e rivoluzionarie. E per contrasto, incredibilmente, un assoluto e unico esempio di immobilità, di tradizione, con le sue regine, il suoi cambi della guardia, i suoi Harrods, i rintocchi del Big Ben, le cabine del telefono rosse, gli autobus a due piani, i taxi neri e (a mio avviso) scomodissimi…
E poi ci sono tanti musei, teatri, iniziative culturali… e tanti tanti giovani, di tutto il mondo, che si divertono, lavorano, studiano…
Ci vivrei, a Londra, e ci vivrei sicuramente se avessi vent’anni e fossi alla ricerca di un posto dove studiare o fare qualche esperienza lavorativa…
Malgrado questo, Londra non mi affascina. Non esercita su me il fascino di Praga, di Roma, di New York. Mi sto chiedendo, mentre lo scrivo, il perché di questo, e a pensarci bene non lo so!🙂 Però è così.
Beh, ci ritornerò un’altra volta per capirlo, e comunque nel frattempo accetto opinioni sull’argomento.
 
Un’altra riflessione. Sarà che (contrariamente al solito) mi stavo rilassando, e quindi vedevo tutto con occhio ottimistico, ma ho pensato che l’epoca in cui viviamo è bella e affascinante, malgrado tutte le brutture che ci sono.
Comunque, essendo mezzanotte e non volendomi dilungare, rinvio alla prossima volta l’argomentazione di quello che ho detto sopra.
 
Buonanotte a tutti!
 
PS: col senno di poi, e con quello che abbiamo letto sui giornali nei giorni scorsi, il mio itinerario Milano-Mosca-Milano-Londra-Milano si è svolto sulle (probabili) rotte del Polonio… Ve lo dico subito: io non c’entro…😉 Anzi, ho avuto un certo brivido quando ho visto che quel poveraccio che è stato ammazzato è probabilmente stato avvelenato in quel ristorante giapponese di Piccadilly davanti al quale io mi sono soffermato pensando: "peccato aver mangiato giapponese anche ieri sera, altrimenti stasera sarei venuto qui"…
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Mosca – Londra – Casa

  1. Paola ha detto:

    Londra!!!
    In assoluto la città che ho visitato più volte… una decina più o meno… è stato amore a prima vista sin dalla prima volta più o meno nel 1985 o 86… La trovo una città estremamente vitale e cosmopolita e, almeno al turista, molto aperta…
    Adoro i suoi mercatini, quelli noti ma soprattutto quelli un po\’ meno famosi dove la creatività dei giovani si può esprimere liberamente…
     
    Un sorriso e buona vacanza…
     
    Paola
     

  2. Federico ha detto:

    A Paola: Grazie per il tuo intervento. Spero ci incontreremo spesso su queste pagine. A proposito ho visto il tuo Space e devo dire che le tue foto sono splendide… Complimenti!
    Purtroppo io non ho molte foto dei miei viaggi perchè uso per lo più una macchina "chimica" e faccio diapositive, e poi mi rompo di scannerizzarle… Sono all\’antica! (Si era capito, no?)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...