Giornata della Memoria

Riprendo il post di Mauro per unirmi anche io a un momento di riflessione in questa giornata.
 
Il pensiero della Shoah, il pensiero che sia esistito Auschwitz e gli altri campi mi sconvolge.
Ciò che mi sconvolge è che le persone che si sono macchiate di così enormi crimini erano persone come noi, avremmo potuto essere noi… Se fossimo nati 50 prima, se fossimo nati in Germania, magari saremmo stati coinvolti, magari l’avremmo accettato per convinzione o semplicemente perché avevamo da pensare ai nostri affari, al nostro lavoro, alle nostre famiglie, e non avevamo tempo di occuparci di "politica"…
 
E’ questo ciò a cui cerco sempre di pensare. La Memoria deve essere tenuta viva non (o non solo) per ricordare le persone innocenti che sono morte nei campi, ma soprattutto per insegnarci che non dobbiamo mai spegnere la nostra coscienza, cancellare il nostro senso critico, perché altrimenti siamo capaci o siamo complici di ogni mostruosità.
 
 
 
 
 
 
"Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata.
Mai dimenticherò quel fumo.
Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di fumo sotto un cielo muto.
Mai dimenticherò quelle fiamme che bruciarono per sempre la mia Fede.
Mai dimenticherò quel silenzio notturno che mi ha tolto per l’eternità il desiderio di vivere.
Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto.
Mai dimenticherò tutto ciò, anche se fossi condannato a vivere quanto Dio stesso.
Mai"
 

Eli Wiesel, premio nobel per la Pace nel 1986, sopravvissuto a Auschwitz dove era stato internato all’età di 16 anni

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Giornata della Memoria

  1. Ferdinando ha detto:

    La cosa più infame e criminale era la capillare e crudele contabilità di tutto ciò che accadeva nei campi di sterminio…

  2. La Gatta ha detto:

    sai, quello che turba anche me, al di là della follia dell\’idea di sterminare delle persone, per qualsiasi motivo, è proprio pensare che queste cose sono successe pochi anni fa, non ne medioevo, non in epoche buie e remote, ma davvero pochisimi anni fa..
    e che anche noi, ognuno di noi, avremmo potuto ritrovarci a vivee in quel mondo, vittime o carnefici.
    facile oggi dire che tutti avrebbero dovuto opporsi, impedire quell\’orrore.
    se on è accaduto è perchè la gente preferiva guardar altrove, non vedere, non rischiare, ilche è molto umano.
     
    il senso delle giornate della memoria sia allora sempre questo, il ricordo delle vittime e l\’appello alle coscienze dei vivi, perchè non si spengano mai, perchè gli occhi non i voltino mai in un\’altra direzione…
     
     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...