Sentirsi italiani

Io sono generalmente orgoglioso di essere italiano… Mi sento portatore di un modo di vivere, di una cultura, di una storia da cui non si potrebbe prescindere…
 
Ma ci sono dei momenti in cui la manifestazione dell’italianità è assolutamente irritante… Uno di questi è la storia dell’adeguamento degli stadi alle norme di sicurezza dopo i fatti di Catania, insomma, la storia dei "tornelli".
Era stata fatta una legge (a seguito di non so quali altri gravi fatti di teppismo) dal ministro Pisanu per adeguare gli stadi a norme di sicurezza antiteppismo. Nessuno aveva protestato, tutti d’accordo…
Fosse successo in Germania, in Gran Bretagna, in qualunque altro Paese, questo avrebbe potuto essere considerato come un segno di accordo totale, e quindi ci si sarebbe potuti aspettare che tutti quelli non a norma si sarebbero attivati per rientrare nelle regole…
 
E invece qui scatta la quadratura del cerchio italico. Qualcuno pensa: "abbiamo fatto fessi i giornalisti e l’opinione pubblica facendo vedere che abbiamo agito, al tempo stesso facciamo sapere ai presidenti delle squadre di calcio che possono continuare a dormire tranquilli tanto nessuno li controllerà"…
Verrebbe quasi da pensare che qualche presidente di qualche squadra abbia avuto qualche informatore nel Governo… ma no, dai… non voglio essere così malevolo!
 

Poi, è solo questione di tempo, succede di nuovo: stavolta ci scappa il morto, è un poliziotto.
Il ministro dell’Interno batte i pugni sul tavolo (bravo, Amato…) e pretende l’applicazione della legge… Si scopre che sono tutti o quasi fuori legge. Amato insiste a dire: "non ci vuole mica la NASA per installare i tornelli, vedrete che si può fare…"
 
Si tenta come al solito di buttarla in politica. Il proprietario di una importante squadra milanese (non voglio fare nomi) attacca la decisione definendola illiberale… chissà se qualcuno gli ha detto che era solo la richiesta di applicazione di una legge che portava in calce una firma di un suo omonimo…
 
A questo punto, in una sola notte, il miracolo è avvenuto e si riesce a mettere le cose a posto!
Oggi si gioca a Milano, sono contento per i tifosi del Milan… ma… che schifo!
 
 
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Sentirsi italiani

  1. mitica ha detto:

    ciao Fede in merito al tuo intervento sul mio blog riguardo all\’India, anke io sono stata colpita dalla miseria, dai bimbi in mezzo alla strada ect e quando parli con i monaci loro ti spiegano che ogni anima deve avere un suo percorso…difficile per noi comprendere tutto cio\’. Un monaco buddista ospite a casa mia, a cui chiesi perche\’ la mia bambina e\’ stata colpita da una malattia che non riesce a trovare una diagnosi, mi rispose che in una vita passata mia figlia, aveva fatto qualcosa di male, e che quindi oggi la  sua anima doveva essere questa, e attraversare questa punizione, se cosi\’ si puo\’ chiamare. Io la vedo come un dono invece perche\’ ci ha cambiati radicalmente  in positivo. Non ci sono spiegazioni a cio\’ che succede o per lo meno ognuno la vede nel suo punto di vista spirituale. Io adoro l\’india e pratico yoga e meditazione perche\’ mi fa star bene mi rilassa incontrare il mio io nel profondo silenzio, li nel cuore dove trovi tute le risposte. A presto e grazie!

  2. io ,me stesso medesimo ha detto:

    si italiani forse pure idioti ma per quel che riguarda il calcio io ho smesso anni fa di andare allo stadio in tempi non sospetti quando cominciarono a girare i  primi idioti: bello siamo bravi ci sono volute due cose , la prima la morte di un padre di famiglia  prima che poliziotto (violenza gratuita ma nn tanto gratuita ) 2 un ministro che aspetto alla prova del nove
    infatti ha dichiarato " ai prossimi incidenti vi fermo per 20 anni ) ah dimenticavo un terzo punto il più paradossale di tutti un idiota di presidente della lega calcio che dice  lo spettacolo deve continuare i morti fanno parte del gioco assurdo  mi voglio augurare che  la prossima volta che abbia bisogno delle forze dell\’ordine esse nn accorrano ( speranza vana questa perchè qualsiasi divisa indossino qualunque sia il loro stato d\’animo hanno in mente una sola parola DOVERE ) ed è per questo che dobbiamo ESSERGLI GRATI

  3. perlinavichinga ha detto:

    io non sono italiana, ma quando ho sentito ai tg parlare di miracolo, mi sono vergognata lo stesso… assurdo…la foto del post sotto l\’ho vista proprio oggi… direi decisamente eloquente! e l\’india… ci sono stata un anno e mezzo fa ed è rimasta nel cuore…buona serata!

  4. soleluna ha detto:

    Grazie. Semplicemente grazie.
    Mari

  5. La Gatta ha detto:

    beh, che dire, ho sentito che in alcuni stadi ci sono stati fischi durante il minuto di silenzio, striscioni contro al polizia e altri tifosi arrestati con spranghe e fumogeni…
    credo si stia perdendo il senso della realtà….
     
    per la musica sto usando http://www.ripway.com/ al posto del defunto (una prece) filelodge…
    ha meno spazio, ma sembra funzioni…
     
    buona settimana!

  6. La Gatta ha detto:

    p.s. grossmann va avanti bene…sono alla parte di myriam…
    bello davvero…

  7. Paola ha detto:

    Come al solito è una questione di vile denaro…
    da quando il decreto Pisano è stato introdotto c\’è stata una diatriba su chi avesse dovuto accollarsi la spesa per la messa a norma.
    Da una parte i comuni (proprietari delle strutture) e dall\’altra le società principali fruitrici degli stadi…
    un rimpallo dopo l\’altro sono passati i mesi e si è arrivati a ieri.
    E davanti alla possibilità non solo di perdere gli incassi ma anche di dover risarcire gli abbonati,
    miracolosamente sono stati montati i tornelli.
     
    La solita Italia… purtroppo…
     
    Paola

  8. perlinavichinga ha detto:

    sì, l\’ho visto senza mascherone… e ho sentito una sua intervista nel film di michael moore… ha detto cose intelligenti… credo giochi tanto sul personaggio…però conduce una vita basata su vari eccessi e lei si era stufata… credo che le corna le pesassero troppo… ma come si fa a tradire una come lei?

  9. Lau ha detto:

    …e tutto ciò continua ad essere chiamato SPORT…
    Ormai non mi stupisco nemmeno più quando sui giornali stranieri vedo il Bel Paese dipinto come un incivile covo di violenti inpuniti, opportunisti e uomini senza scrupoli…perché é fin troppo evidente che l\’immagine che diamo di noi purtroppo é questa (anche se ovviamente é solo una parte di quello che siamo veramente). In certi casi ce lo meritiamo proprio l\’appellativo "THE BOTTOM OF EUROPE".
    – italici tornellici saluti!
    °°P.DoLL°°
     

  10. La Gatta ha detto:

    (in effetti se una così bella ha le corna, qui dobbiamo stare attente tutte…)
     
    M.M senza trucco???? non ce l\’ho presente….non è nato così???
     😮

  11. Ferdinando ha detto:

    E\’ sempre la solita storia, purtroppo. Io non mi sento italiano, ma per fortuna o sfortuna lo sono, citando Gaber.

  12. Mariko ha detto:

    Era un pò che non passavo da te ed è anche un pò che non ci becchiamo su msn, per cui……………..buon fine settimana.
    Tiziana

  13. Cristina ha detto:

    ciao ….
    come mai non sei piu\’ in linea ultimamente?
    Beh … lo so, anche io ….
     
    Buon finesettimana!!

  14. Valentina ha detto:

    c\’è una nuova "mafia" dentro e fuori gli stadi.. è dietro i politici, gli imprenditori gli ultra e i poliziotti. Non tutti.. ma c\’è.. se ci scappa il morto si alza il polverone, ma in fondo certe situazioni fanno comodo un po\’ da tutte le parti. Tutti chiacchierano, ma nessuno si muove concretamente..
    Io non mi vergogno tanto di essere italiana, ma a volte mi vergogno di essere umana! pensare che tanta gente si preoccupa delle guerre, della fame e della sofferenza nel mondo, anche attivamente… gente che spera ancora nell\’umanità, nella possibilità di cambiare le cose, di migliorarle..  ma se la violenza e l\’orrore dell\’uomo si manifesta dentro uno stadio, tra due persone che non hanno motivo per odiarsi, se non quello di appartenere a due "gruppi" diversi.. se ci sono persone che uccidono a sangue freddo e con premeditazione i propri vicini di casa, senza motivi concreti per provare odio nei loro confronti.. come si fa a credere che sia possibile un mondo senza guerre e senza soprusi e sopraffazione??!

  15. Mariko ha detto:

    Ma ceeeeeeeeeeeeerto che puoi farla anche tu, anzi devi!
    Stavolta dove ti porta il tuo lavoro?
    Baci e buon viaggio
    Tiziana

  16. Mauro ha detto:

    che fai?
    \’ndo\’ stai?
    \’ndo\’ vai?
     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...