Googlando googlando…

E’ risaputo che, negli ultimi anni, i motori di ricerca di internet hanno assunto un ruolo importante e irrinunciabile nella nostra vita, sia professionale che di naviganti del cyberspazio a tempo perso. Dalla ricetta della Pastiera alla formula dell’area del dodecaedro, dall’orario delle ferrovie ucraine al numero di telefono del ristorante "La bella Napoli" di San Francisco, tutto si cerca (e spesso si trova) su internet, passando per i motori di ricerca.
Fra questi, Google è diventato il più cliccato ed è praticamente un riferimento, tant’è vero che gli americani, custodi di una lingua pratica e adattabile, hanno inventato il verbo "to Google", Googlare, per indicare una ricerca su internet.
 
Ovviamente, come tutte le cose, questa abitudine ha portato anche delle distorsioni e, soprattutto nelle communities americane, se non sei su Google, se non sei googlabile, è come se non esistessi, o viceversa il solo fatto di essere su Google ti conferisce una certa dignità.
E’ di qualche mese fa la notizia che il Dipartimento di Stato americano (una di quelle strutture che il cittadino comune pensa potentissime, dotate di mezzi sofisticati e esclusivi), per svolgere una indagine su i nomi di Iraniani coinvolti nei programmi nucleari, aveva semplicemente fatto una ricerca su Google, utilizzando parole chiave come (viva l’originalità…) Iran e Nucleare… Ne era venuta fuori una lista di dodici nomi, utilizzata dalla diplomazia USA nel processo di richiesta di sanzioni all’Iran… almeno fino a quando qualcuno ha dimostrato che quelle persone, col nucleare iraniano, non c’entravano per nulla!
 
A questo punto, vi pare che il sottoscritto potesse rinunciare a "cercarsi" su Google? Ebbene, vi anticipo la risposta: io non ci sono, non sono googlable! In realtà, cercando bene, ma proprio bene bene, utilizzando l’iniziale del nome e l’intero cognome, qualcosa si trova, ma si riferisce a cose di quasi vent’anni fa…
Uff… Che brutta sensazione non esistere…
 
——————-
 
C’è da qualche mese un altro modo per "ritrovarmi" nel cyberspazio di internet, ed è il mio Spaces. Come tutti voi sapete, molte volte si arriva a siti personali e a blog anche facendo delle ricerche (ancora una volta) su Google per gli argomenti più diversi…
E’ da un po’ di tempo che, guardando il link "Statistiche" del mio Spaces (con il quale si visualizzano gli indirizzi da cui si è arrivati allo spazio personale), noto che ci si è arrivati attraverso ricerche su Google, con le parole chiave più strane possibili…
Ho annotato alcune di queste, negli ultimi mesi, e ve le riporto qui:
 
Alcune sono scontate:
Federico (è incredibile notare che ricercando semplicemente Federico su Google possa venire fuori anche la mia pagina…)
che tu sia per me il coltello oppure yair grossman figlio (che riportano al mio post sul libro di Grossman)
fly Emirates hostess oppure upgrade ulisse freccia alata oppure voli premio lufthansa (legate alle mie cronache di viaggio o ai commenti sulle hostess e sulle compagnie aeree)
stazione Majakovskaja oppure linea urbana R2 napoli oppure je suis venute te dire que m’en vais consoli (legate ad altri interventi turistico-cinematografici)
 
Un po’ più complicate da ricostruire sono altre correlazioni, quali:
auguri dei politici a pasqua
fotografare la settimana santa
porte scorrevoli fatte di vetro acidato
 
Infine, ce ne sono alcune decisamente inquietanti:
– Iniezione intramuscolare nella chiappa (vi ricordate quando ho elencato le cose di cui avevo paura?)
divette
fotografi di  playboy
– foto incesto fratello
 
Ma voi ve l’immaginate la faccia del guardone feticista che ha digitato "foto incesto fratello" oppure "iniezione intramuscolare nella chiappa" o "fotografi di playboy" e si è ritrovato sul mio blog? Beh, spero non gli sia piaciuto!
 
Ciao a tutti. Federico
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cyberspazio. Contrassegna il permalink.

24 risposte a Googlando googlando…

  1. Lilla ha detto:

    Google … è vero ci si trova tutto … o quasi … e senza dover fare tanti giri di parole basta digitare quello che serve esattamente così come lo si pensa … Pensione "Pinco Pallino" Canicattì … ed ecco che compare una serie di informazioni utili … è con Google che ho scoperto che la Gatta aveva un blog … mentre cercavo tutt\’altra cosa … ed è lei che mi ha "iniziata" a quest\’avventura … PS: Grazie per i ragguagli su "dove" e "come" commentare i post … non mi si son chiarite le idee ma … mi ha fatto sentire meno sola ;o) … Un bacione buona Liberazione a te … qui stamattina ci siamo svegliati con la banda che strombazzava le note de "Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio … " … molto … molto …  liberatorio!!

  2. Lau ha detto:

    Che cosa divertente!!
    Se scrivi Moraschi Laura invece nei primi tre risultati trovi ME!
    O meglio, trovi la pubblicazione dei voti del mio test di francese, più precisamente due pdf dell\’università da scaricare (brrr DOWNLOAD COMPLETATO é l\’istante peggiore per ogni studente…HAI IL TUO DESTINO SCARICATO SUL PC in pochi secondi…terribile) e poi c\’é il mio progetto di linguaggio multimediale…(il prof l\’ha accettato da poco, l\’ho scoperto da Google che me l\’ha approvato, fantastico)…
    Mi sento così googlabile che quasi mi viene un po\’ di tristezza…
    un abbraccio!
    Lau

  3. agnese ha detto:

    Ciao federico, grazie per essere passato da me, e benvenuto nel mio sgangheratissimo mondo!
    Google…ci fu un periodo che lo detestavo. Mi spiego. Avevo partecipato a varie selezioni di master, e per fortuna avevo vinto quello che più mi interessava. Naturalmente rinunciai a tutti gli altri. Ma il fatto era che, se in quel periodo digitavi il mio nome e cognome su google, il mio nominativo era seguito da: esclusa, non ammessa, e cose simili in riferimento ai master rifiutati. Praticamente una schiappa, una mentecatta coi fiocchi. Per il resto, google ci salva un sacco di volte, è inutile negarlo…
    Torna a trovarmi quando vuoi, ti aspetto!
    Agnese
     
    p.s. Splendide le foto dall\’aereo alla mia Napoli…

  4. Mauro ha detto:

    Da me ci si arriva di solito cercando titoli di libri, raramente cose astruse.
     
    L\’escavatrice è una psicologa….

  5. agnese ha detto:

    In media stat virtus, no? Io abito a Pompei, a metà strada tra Napoli e la penisola, equidistante per par condicio. Non mi posso lamentare…ah dimenticavo, io dal terrazzo di casa vedo Capri…^_^

  6. rosa ha detto:

    E\’ vero, quasi come le notizie…quelle che i giornalisti non danno è come se non esistessero, no? Così se non sei su Google non esisti!
    Un po\’ triste direi, ma forse non dovremmo dargli tutta questa importanza.
     
    streghetta
     
    ps: confesso che io spesso faccio le ricerche sulle persone…eh eh, su di me l\’avevo già fatta tempo fa 🙂

  7. soleluna ha detto:

    Forse è stata una delle prime cose che ho fatto quando ho "conosciuto" google…. e, magno cum gaudio: CI SONO!!!! verso la terza, quarta pagina (prima una sfilza di risultati riguardanti il Cardinal Bertone e la Madonna, e poi una mia omonima donna in carriera), sul sito della mia scuola media, in qualità di vincitrice della 1ere Olympiade de dictèe en langue francaise….E SO\’ SODDISFAZIONI!!!!

  8. agnese ha detto:

    Buongiorno! Hai un paio di ore libere così ti spiego di cosa mi occupo nella vita? ahi ahi ahi…ma allora non hai letto bene il blog…tra le righe c\’è scritto eccome, praticamente ne parlo in continuazione! Va bè dai, te lo ridico: per hobby insegno lettere e storia dell\’arte, per passione collaboro con i musei di napoli, gli scavi di pompei, e tutto ciò che trasuda arte! E tu invece di cosa ti occupi?
     
    p.s. Anche il Monte Rosa fa la sua magna figuuuura… Pensa che sono indecisa se andare ad Amalfi o Positano questo sabato, e mi dico: mannaggia che non c\’abbiamo il Monte Rosa, mannaggia! (Lo so, a volte mi meriterei le mazzate…!)
     

  9. agnese ha detto:

    Oh my God…ingegnere?!? Allora a questo punto mi posso permettere di chiederti due cose:
    1) Perchè non riesco ad inserirti tra gli amici? Me tapina.
    2) Perchè non risulto tra i tuoi blog preferiti? Me triste.
    Buona serata, autore del blog-opera d\’arte letteraria del secolo….

  10. Federico ha detto:

    Allora, Lau, caffeina, Streghetta, Soleluna, si vede che apparteniamo a generazioni (ahimé) diverse… Ai miei tempi i risultati delle prove uscivano in bacheca… bisognava andare lì e guardare… quindi nessuna presenza in internet… anzi, Internet non esisteva!
     
    Soleluna, tu trovi un cardinale, quando cerchi il tuo nome. E credo che ora trovi il tuo nome anche per la tua attività giornalistica… Io trovo un musicista jazz (che peraltro è mio cugino…), e un po\’ di americani, che fanno i dentisti, professori di chimica e altre cose amene… A cercar bene si trovano anche le mie figlie, ma di me neanche l\’ombra! 😦
     
    Comunque sia, io continuo a chiedermi perché si arriva a questo blog attraverso le parole chiave foto incesto fratello: questa cosa mi incuriosisce e mi deprime, oltre a mettermi in cattiva luce agli occhi di Maumozio, a cui si arriva invece soltanto cercando titoli di libri…Ciao, Mauro!  😉
     
    Buonanotte a tutti. Federico
     
     
     

  11. agnese ha detto:

    Io solo questo dovevo sapere di te, che sei ingegnere…Sono indecisa se corromperti, minacciarti o fingere di ignorarti…ci penserò stanotte!
    Buonanotte ingegnè!
    Agnese

  12. Ferdinando ha detto:

    Lo faccio spesso con il mio nome, con i riferimenti del mio blog eccetera 🙂
    Anche a me arrivano a volte con chiavi di ricerca assurde, alcune veramente inquietanti.
    Preferisco le gettonatissime formiche e le lavatrici 🙂

  13. La Gatta ha detto:

    io ci sono su google, quindi esisito…fiu\’….confesso che anche io pero\’ mi metto ogni tanto a cercare vecchi compagni di scuola, fdanzati, colleghi…di recente ho rintracciato un compagno di scuola che mi serviva di ritrovare…sugli strani modi di arrivare al mio blog, recentemente qualcuno ci e\’ arrivato cervando ….."come costruire una bomba"….[non ci sono le istruzioni sul mio blog…avevo solo detto che ci posso scrivere quello che voglio, tranne forse come costruire una bomba…]immagino il bombarolo in erba che cerca le istruzioni e si ritrova….nel mio database di scarpe!!!!

  14. La Gatta ha detto:

    p.s. varie persone cercando il mio nome sono arrivate al mio blog….

  15. Antonio ha detto:

    Anch\’io ci sono… fiuuuuu, esisto ancora per fortuna… 🙂
     
    scherzi a parte, Google è un fenomeno interessante. Hai notato che ha surclassato TUTTI gli altri motori di ricerca?
    L\’algoritmo che usa è fenomenale e,tra l\’altro, si basa su logiche di cd "intelligenza collettiva". Usa i link come metrica di reputazione.
    Il problema è che la tua presenza si autoalimenta di link. Più ne hai più chance hai di essere "in alto" nelle ricerce. E più sei in alto, più generi valore per il tuo sito.
     
    Ad ogni modo, se ti interessano questi argomenti vieni a chiaccherarne anche sul mio nuovo (ennesimo) blog
    antonioamendola.wordpress.com
     
    ciao,
    A

  16. La Gatta ha detto:

    pero\’ piu\’ ci penso e piu\’ mi sembra curioso…pensa come sarebbe bello se il porco che cerca porcate si ritrovasse sempre e soltanto immerso nei racconti sulla bruttezza e sgarbatezza delle hostess nel mondo e il bombarolo nelle mie cronache di convalescenza e scarpe….anzi, al porco potrei offrire il mio post "Sodoma e gomorra"….potrei ampliarlo con racconti piu\’ dettagliati delle ultime puntate di beautiful…

  17. Lilla ha detto:

    Scusa Federico se dico una cosa alla Gatta usando "casa tua" ma … è inerente a come l\’ho trovata io!!! Cercavo semplicemente l\’anno in cui è uscito il film "La gatta sul tetto che scotta" con Paul Newman … e tra i tanti link aperti chi ti vedo?!?!!? Lei: la mia compagna di giochi … "un colletto bianco tra le tute blu"!!! ;o) … Un abbraccio a tutti e due!

  18. Federico ha detto:

    Insomma, alla fine l\’unico che non esiste sono io… 😦 Non ho scelta, dovrò fare qualcosa di eclatante per comparire… Nel week end ci penso, e poi vediamo.
     
    Comunque:
    Grazie a Lilla che con una frase del suo commento mi ha fornito un nuovo modo per permettere ai maniaci di trovarmi nelle loro ricerche: Il suo "la mia compagna di giochi" sarà sicuramente googlato… 😉
     
    Alla Gatta: Esisti, esisti, certo che esisti… Ammazza!
    Non avevo mai provato a cercarti, ma col tuo commento mi hai fatto venire curiosità… e ho trovato delle cose interessanti… complimenti!
    Anche Antonio esiste, se è vero che lo trovano anche le studentesse… 😉
     
    Comunque, Antonio, accetto il tuo invito e verrò al più presto sul tuo blog… anche se ormai siete davvero in troppi!!! Ogni tanto dovrò pure lavorare!
     
    Grazie a tutti. Federico
     

  19. Donatella ha detto:

    Io "googleando" ho rintracciato un mio vecchio compagno di scuola (uno dei miei primi amori non corrisposti). Ma soprattutto ho scoperto che qualcuno mi stava raccontando cose non proprio corrispondenti alla realtà. Eppure non sono Sherlock Holmes, ci inciampo dentro mentre cerco altre cose.
    Io ci sono? Mi sembra di sì. Una volta mi sono cercata e mi ha portato in un sito dove neanche ricordavo di essermi registrata.
    Buon fine settimana
    Donatella

  20. Lilla ha detto:

    Caro Federico … consolati … neanch\’io esisto (secondo Google!)  … con il mio nome e cognome ci sono solo due persone e … non sono io … ma se devo essere sincera … non mi dispiace non essere "rintracciabile" … non si sa mai chi ti viene a cercare! PS: Per i maniaci che vengono a visitare il tuo sito … prrrrrrrrrrrrrr (si capisce che è una pernacchia?!) …. giù le mani da Paperino!Buon fine settimana …. un bacione! 

  21. Mariko ha detto:

    Ciao! Non ci sono nemmeno io su Google. Cioè per la precisione ci sono due omonime: una è Avvocato e l\’altra traduce testi dall\’inglese! Di me neanche l\’ombra, ma d\’altronde per quale motivo dovrei essere su Google?
    Facci sapere (a tutte noi "romane") quando sei qui, hai visto mai che ci andiamo a mangiare \’sti benedetti fritti di baccalà!
    Buon ponte, se lo fai…io domani lavoro, purtroppo 😦
    Tiziana

  22. La Gatta ha detto:

    "pariare"?mi piace, la compro!!!!!!

  23. La Gatta ha detto:

    p.s…. che vuol dire?:-)

  24. Paola ha detto:

    Temo di aver acquisito due personalità!
    Al mio blog ed a me in rete si arriva quasi esclusivamente tramite il nick (GattaNera scritto più o meno in tutti i modi), anche se quando lo scelsi era il lontano 1996 e la statuaria gattanera di un quiz televisivo forse non era che una lattante!
    Nome e cognome invece sono stati inseriti solo recentemente in una fotocommunity… quindi non solo esisto… ma esisto due volte!
    Ma si sa… i gatti di vite ne hanno sette, posso ancora sbizzarrire la mia fantasia 🙂
     
    Paola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...