Confusione

C’è una grande confusione nella mia testa, in questo inizio di anno. Ci sono troppe cose che vanno in una maniera diversa da come il senso comune, e le mie aspettative, suggerirebbero. Mi sembra che il mondo vada un po’ sottosopra.
 
Vediamo un po’ voi che ne pensate, se avete la voglia di leggere fino in fondo questo lungo (devo recuperare l’assenza) testo… confuso!
 
Sono confuso a causa della situazione dei rifiuti in Campania, che tiene banco da inizio anno.
Se c’è qualcuno che ha capito veramente le cause del disastro e le ricette per risolverlo (possibilmente in maniera definitiva e non mettendo a rischio la salute dei cittadini) alzi la mano.
Io ci ho provato, ma ogni volta che sento un dibattito o un’opinione, un politico, uno scienziato, un giornalista, un opinionista, ho l’impressione di sentire una cosa diversa dalle precedenti. Per dire, gli inceneritori (pardon, adesso si chiamano termovalorizzatori) sono buoni o cattivi? Possono bruciare tutto o solo una parte? All’estero come si fa? Fanno più male le discariche o gli inceneritori? Sono confuso
E sono confuso anche a vedere la schizofrenia della gente e dei politici. I campani protestano perchè non vogliono l’inceneritore o la discarica, perché fanno male all’ambiente, ma poi si incavolano se a Brescia o a Cagliari dicono che non vogliono la loro monnezza. Allo stesso modo, i Lombardi spiegano (come sono bravi tutti, a spiegare…) che gli inceneritori ben fatti sono una risorsa, perché distruggono i rifiuti e producono elettricità e calore, ma se poi gli vuoi dare un po’ di rifiuti da bruciare ti dicono di no e fanno i blocchi stradali: hanno già troppa elettricità e l’acqua è troppo calda? Ancora, i napoletani temono per i rischi per la salute legati agli inceneritori, ma poi danno fuoco alle montagne di rifiuti sotto casa… Sono confuso
 
Sono confuso per la storia del Papa all’Università di Roma. Credo che la reazione da parte dei professori e degli studenti c’entri poco con Galilei, pace all’anima sua, sulla cui opera e sul cui valore la storia e la scienza (e anche papa Giovanni Paolo II) hanno già detto tutto e non c’è più nessun giudizio da revisionare. Credo invece che quella reazione c’entri molto con una Chiesa che – con il Pontefice e con la sua corte, in primis con il cardinale Ruini – sta tornando a voler imporre la propria visione politica (e sottolineo politica) su tutte le scelte che devono essere proprie dello Stato. Senza andare troppo indietro, si fa presto a ricordare gli interventi in materia di fecondazione assistita, di famiglia, di aborto, e ai tentativi di fare campagna elettorale contro il sindaco di Roma (e quello che ora rappresenta a livello nazionale) denunciando il degrado della città. Sono confuso, quindi, perché nel mio animo sentivo forte il desiderio di un possente vaffa indirizzato oltre Tevere, ma so altrettanto che all’Università hanno fatto una enorme stupidata, offrendo il fianco a una pesante accusa di intolleranza.
E sono comunque confuso quando vedo chi compare nella schiera rinnovata dei servitori dello stato pontificio, quali insospettabili laici si dimostrino insuperabili baciapile… Si sono inventati pure gli "atei devoti": che confusione!
 
Sono confuso per la storia dei Mastella. Da un lato, diciamocelo, tutti sappiamo che buona parte della rovina della nostra Italia e in particolare della Campania è ascrivibile ai comportamenti di gente come Mastella, e sanno tutti che i Mastella e i loro accoliti hanno sicuramente messo in piedi un sistema di potere aberrante. Ci sono decine e decine di pagine di inchieste giornalistiche sull’argomento, c’è un interessante capitolo del libro "Mani Sporche" di Travaglio che ne parla e sembra anticipare quello che è successo. Dall’altro lato, però, non posso sentirmi felice delle performance di una magistratura a volte isterica, talvolta vittima di manie di protagonismo, di vendette e lotte di potere, che costruisce un castello di accuse, e arriva addirittura a ordinare degli arresti, su una serie di intercettazioni dal contenuto oggettivo scarso.
Sono confuso perché vorrei che questi politici fossero cacciati per sempre dalla pubblica amministrazione, ma al tempo stesso so che quest’inchiesta si risolverà in un nulla di fatto, si affloscerà su se stessa (indipendentemente da ogni pressione politica) e si lascerà dietro come unico risultato una delegittimazione dell’intera magistratura.
Ma sono anche confuso perché trovo indecente che un Ministro della Giustizia faccia un attacco alla magistratura come quello che è stato fatto in Parlamento, e soprattutto trovo indecente che il Parlamento lo applauda, che le sue dimissioni vengano respinte, che l’intero governo gli esprima solidarietà. Ma al tempo stesso so che dalla sopravvivenza della maggioranza dipende la continuazione dell’attività della legislatura, per esempio l’approvazione della riforma Gentiloni, l’accordo su una riforma elettorale… Fino a che punto si deve continuare tappandosi il naso? E’ giusto continuare così? Non lo so, sono confuso
 
Sono confuso per la storia di Cuffaro a Palermo. Ricordiamo che è successo: se ho capito bene, il nostro simpatico Totò "vasa vasa" Cuffaro è stato condannato a cinque anni (in primo grado) per favoreggiamento di alcuni personaggi, perché aveva rivelato loro informazioni riservate relative a indagini di mafia in corso che li riguardavano. E’ d’altra parte caduta l’ipotesi di favoreggiamento a Cosa Nostra. Risultato? Tutti esultano, si stappano bottiglie, ci sono grandi telefonate di felicitazioni da Casini, da Berlusconi… Sono confuso: un processo conferma che un amministratore pubblico non favoreggia l’organizzazione mafiosa ma favoreggia dei singoli mafiosi, e tutti sono contenti? E l’amministratore pubblico rimane al suo posto? Posso essere d’accordo che lui sia felice di aver beccato cinque anni anziché quindici, ma tutto il resto non mi torna. Come si può spiegare una cosa del genere ai nostri figli? Sono confuso
 
Sono confuso per la storia di Berlusconi e della sua telefonata a Saccà, per raccomandargli alcune attricette. Ne abbiamo già parlato, e abbiamo già ascoltato quella disgustosa telefonata. Adesso arriva il rinvio a giudizio dalla magistratura napoletana (troppo velocemente, dicono gli esponenti del centrodestra). Ci sarebbe tanto da dire sul malcostume in sé, soprattutto considerando che questi favori avrebbero dovuto aiutare Berlusconi a convincere dei senatori della maggioranza a votare contro il governo. Ci rendiamo conto in che Paese siamo? Io ti raccomando un’attricetta che ti sta "simpatica", e tu cambi le sorti del Paese. Io mi indigno, loro dovrebbero vergognarsi: invece io sono confuso, perché vedo che tutti la considerano una cosa normale, e Berlusconi replica affermando che in Rai si entra solo se si è prostitute o comunisti, e sono confuso perché in Rai nessuno protesta veramente. E sono ancora più confuso perché ora Berlusconi non chiede scusa e non si vergogna, ma addirittura rilancia, come leggo dal Corriere, e per rafforzare la sua opinione fa vedere ai suoi amici una lista di cinquanta donne Rai con accanto i relativi amanti che le hanno raccomandate. In pratica, il Cavaliere dice: Lo fanno tutti, che male c’è che lo faccio anche io.
Sono confuso, perché anche qui non so cosa potremmo spiegare ai nostri figli. E sono confuso, perché ai tempi di Tangentopoli trovai immorale il discorso di Craxi in Parlamento che, per difendersi, sostenne che il sistema del finanziamento dei partiti attraverso le tangenti era prassi comune a tutti i partiti e pertanto accettabile. Beh, siamo passati dalla corruzione attraverso il supporto alle attività dei partiti alla corruzione attraverso il supporto alle attività sessuali! E’ un segno dei tempi, sì… ma quando ci fermeremo?
 
Uff… che sproloquio… Ma sono successe così tante cose durante la mia assenza, e sono così confuso… anzi, diciamocela tutta, sono anche alquanto incazzato!
 
Buona settimana, malgrado tutto.
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Confusione

  1. Mauro ha detto:

    Per noi è tutto abbastanza chiaro, semmai sono loro che agitano la melma per far confusione.

  2. Virginia ha detto:

    confusione comune mezzo gaudio, si potrebbe dire, ma c\’è poco da godere è evidente. e sono sicura che la confusione non ce la toglierà nessuno dalla testa a meno che non ci sia una bella rivoluzione…

  3. Donatella ha detto:

    A loro serva che la gente sia confusa, perché nel caos ci sguazzano e possono continuare a fare ciò che vogliono.
    Non so se sperare che la confusione si trasformi in indignazione e voglia di agire… sì, ma come? Li vedi gli italiani a fare la rivoluzione, quando ciò potrebbe voler dire che si rinuncia tutti ai piccoli o grandi privilegi che questa situazione feudale porta?
    Ti auguro una buona settimana

  4. rosa ha detto:

    Vorrei tanto poterti aiutare, scelgo di dire la mia opinione soltanto in merito alla storia del Papa, visto che sono una studentessa della Sapienza. Se devo essere sincera la mia prima reazione è stata quella di incazzarmi con gli studenti, e io non sono una che va a messa tutte le domeniche e neanche ci credo alla chiesa, ma mi sono comunque incazzata perchè dicevo "è questione di libertà d\’espressione" e per non sentire il Papa bastava restarsene a casa quella mattina. Ma sai che c\’è? Ancora una volta i veri protagonisti sono stati i media. Il Papa è stato, più o meno consapevolmente, molto furbo facendo passare per censura quella che proprio censura non era, perchè nessuno gli ha impedito di partecipare e se lo avesse fatto (se davvero gli fosse importato un po\’ di più di parlare ai giovani, di provare a far cambiare idea a uno solo di quelli che protestavano) beh…i media avrebbero comunque dato risalto agli applausi, alle parole d\’amore, al consenso e ne saremmo usciti in modo diverso da tutta questa storia. (tutto il resto è…spazzatura!)

  5. Silykot ha detto:

    Oh, bene… almeno non sono la sola ad essere confusa!
    Purtroppo sono d\’accordo con Donatella quando dice che quello italiano è un popolo che non fa e non farà rivoluzioni, pur di non perdere quei miseri egoistici privilegi di cui gode. Parliamo, parliamo, ma non passiamo mai ai fatti.
    Che tristezza!

  6. La Gatta ha detto:

    è meglio che non ci pensi, è meglio che non risponda punto per punto, perchè ti intaserei il blog e perchè mi arrabbierei ancora di piu\’..
     
    e oggi è lunedì e questo 2008 è cominciato con uno scarso entusiasmo per ciò che mi circonda da vicino…figurarsi se allargo lo sgurado a ciò che mi sta intorno…..finisce che domattina suona la sveglia, mi tiro il piumone in testa, lascio che i gatti mi si addormentino addosso e resto lì fino a primavera….
     😦

  7. Lilla ha detto:

    "no confuso? no party!" … 
    … non so chi ha portato il Martini … ma … c\’hanno \’mbriacato proprio per benino …🙂
     
     

  8. soleluna ha detto:

    Cominciata male, la settimana, eh?!
    Dai fede… non ti preoccupare troppo: la confusione è comune… purtroppo.

  9. Paola ha detto:

    Confusa per la questione termovalorizzatori… ehm… ammetto si.
    Soprattutto da quando "curiosando" un po\’ mi pare di aver capito che producono si energia e/o acqua calda… ma anche ceneri pari al a 2/3 del peso iniziale dell\’immondizia. E sono pure ceneri tossiche che devono essere smaltite con misure di sicurezza particolati e che, ovviamente, se il tutto viene fatto a norma di legge… costa uno sproposito…
    Quindi? Termovalorizzatori si… oppure no?
     
    Per il resto più che confusa sono inc… nera!
     
    E le notizie di oggi non aiutano certo… il papa non sarebbe andato alla Sapienza perchè "consigliato" da un non meglio specificato membro del governo… e Mastella ed il suo INDEGNO partito ha deciso di "passare al centro"… so io dove dovrebbe andare!!!
     
    Ma non ci preoccupiamo… oggi è cominciato il Grande Fratello… per qualche settimana si potrà parlare solo di quello…
     
    Paola
     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...