Vita d’Azienda

Leggendo e commentando questo post di Lilla, mi è venuta in mente un’altra storiella che qualche tempo fa circolava via e-mail (e che quindi molti di voi già conoscono).
Ve la riporto qui. Tutti quelli che lavorano in organizzazioni, pubbliche o private, di una certa dimensione capiranno benissimo di cosa parlo…

Buon Lavoro!

————————————————————————-

Nei campionati interaziendali di canottaggio, l’officina “Brambilla e figli s.r.l.” volle sfidare la squadra della ditta Fabulex in una gara sulla distanza dei 10km con un equipaggio di 6 uomini. La gara terminò malamente per la squadra della Fabulex, che giunse sul traguardo distaccata di 1km.

La Fabulex non poté ingoiare lo smacco subito. Incaricò quindi una nota società di consulenza affinché facesse un’analisi approfondita del problema.

Dopo circa due mesi di studi, la società fornì il rapporto sui risultati.

Il punto debole fu individuato nel sistema organizzativo: dei sei uomini dell’equipaggio, cinque uomini erano addetti al comando e uno a remare.

La società di consulenza fornì la propria proposta per riorganizzare radicalmente la struttura. Proposta che fu accolta con grande entusiasmo dalla direzione generale della Fabulex la quale si affrettò nel metterla in pratica. Dell’equipaggio furono nominati, nell’ordine: tre Dirigenti Responsabili dell’Equipaggio con Vicedirigente aggiunto, un Direttore Sportivo (quadro con posizione organizzativa), un Coordinatore Tecnico (settimo livello con posizione organizzativa di secondo livello), un Coordinatore Atletico (settimo livello con indennità speciale di disagio). E un quinto livello a remare.

La Fabulex si affrettò a pubblicizzare la nuova squadra ed a lanciare una nuova sfida alla squadra della Brambilla e figli. La gara si tenne sulla stessa distanza, 10km, ma il risultato per la squadra della Fabulex fu molto peggiore del precedente. Il distacco subito fu di 5km.

La notizia della clamorosa sconfitta fu riportata su tutti i giornali e la Fabulex dovette adottare il pugno di ferro per giustificare i gravosi investimenti stanziati in quella sciagurata spedizione. Dopo un lungo incontro fra l’Amministratore Delegato e il Direttore Responsabile dell’Equipaggio si giunse all’inevitabile conclusione: era stata fatta una scelta di una struttura altamente professionale dell’equipaggio, ma evidentemente dirigenti e responsabili non erano abbastanza incentivati, quindi si procedette d’urgenza a deliberare un premio speciale di risultato per i dirigenti dell’equipaggio ed una indennità speciale di gara per ottavi e settimi affinché spronassero il quinto livello a remare con più lena e costanza.

Nella terza gara a metà percorso, quando la squadra della Brambilla era da tempo arrivata al traguardo, la barca Fabulex affondò miseramente… nella foga di battere i colleghi della Brambilla avevano dimenticato di fare manutenzione alla delicata barca. Si salvarono tutti e fu deliberato il licenziamento del quinto livello rematore, reo di non aver sistemato adeguatamente la barca, senza accogliere la sua giustificazione di troppa stanchezza. Nella stessa delibera fu decisa una promozione per settimi ed ottavi per il coraggio dimostrato durante il naufragio, fu fatta una gara europea per acquistare la migliore barca e fu indetto un concorso per un nuovo rematore di quinto livello… ovviamente a tempo determinato”.

Questa voce è stata pubblicata in Vita. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Vita d’Azienda

  1. salmastro ha detto:

    c\’è poco da scherzare,probabilmente il 5° liv. era in età pensionabile non più motivato………….

  2. Paola ha detto:

    Perché invece non te ne torni a casina tua?…A Brescia nevica, a Milano vento e clima autunnale…Che ci fai ancora in Brasile?…🙂 ah… è vero, stai lavorando. Leggendo, non riesco ancora a capire in quale livello inquadrarti… papero Ingegnere… 🙂

  3. Signora ha detto:

    non la conoscevo e ora… te la rubacchio :PPPPps. segui il consiglio di Paola… vieni a goderti la primavera che ha fatto solo l\’occhiolino e oggi ci fa marameo con un bel grigio da \’mi sto preparando per rovinarvi l\’week-end!\’…

  4. Lilla ha detto:

    ah ah ah … che carina!!!meno male che io sono inquadrata 5 super così, quando non ce la faccio con le mie sole forze … posso usare i "super" poteri!!! ;))bacioni!!!!!!!!

  5. Federico ha detto:

    @Paola: Grazie per l\’informazione meteo… Farò in modo di restare qui ancora un po\’, allora! ;-)Per quanto riguarda come inquadrarmi, dovrei essere uno dei Dirigenti Responsabili dell\’Equipaggio… Ma siccome il remo che avevo non l\’ho restituito, e siccome in fondo è la cosa che mi piace di più, una rematina la do volentieri… Questo dal punto di vista organizzativo fa sì che forse mi perdo qualche "premio speciale di risultato", forse perché mi vedono col remo e mi confondono con il rematore di quinto livello… Chiaro, no?@Lilla: tu sei super, ben prima di essere di quinta… e se ai remi ci fossi tu si vincerebbe malgrado i cinque che comandano… E come sviolinata del venerdì non è male, eh?Buon week end!

  6. Oreste ha detto:

    Ovviamente tutta la struttura dirigenziale della barca era costituita da amici del nuovo Amministratore Delegato, più il nipote del noto politico di grido, mentre il rematore era l\’assistente al vecchio Amministratore Delegato, ora caduto in disgrazia…

  7. Virginia ha detto:

    per fortuna al nostro boss non è ancora venuto in mente di farci canottare! in considerazione del fatto che ormai, nella scuola, ne stiamo inventando di tutti i colori, potrebbe capitare:-))

  8. Sonja ha detto:

    L\’Amico Salmastro mi ha anticipato il commento…🙂

  9. Lilla ha detto:

    wowwwwwwwwwwww … mi sento arrossire (e si che ce ne vuole!!!) … sono emozionata!!!se permetti, stampo il tuo commento di risposta, lo ritaglio e lo metto nel portafoglio … così, ogni volta che qualcuno mette in dubbio i miei "superpoteri" … tiro fuori il certificato di garanzia e glielo sbatto sotto al naso!!! ;)baci!!!!

  10. Maggie ha detto:

    Io sono un sesto livello nel commercio come diceva il mio post di qualche tempo fa che ho cancellato [A dir la verità sarei un quarto livello, ma essendo apprendista vengo considerata come un sesto livello]. Se fossi su una barca credo che sarei il capitano, quello che non abbandona la nave che affonda.

  11. Mauro ha detto:

    Uso improprio di blog altrui:ma Mariko è dispersa?

  12. fab ha detto:

    sob…sob…è quel che viviamo

  13. gioia ha detto:

    ah la libertà della libera professione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...