Sono qui

Mamma mia, che puzza di chiuso… Aprite ‘ste finestre, su…

Sono qui, sono qui… Non me ne sono mai andato (o almeno sono sempre tornato), ma non ho avuto mai tempo nemmeno di aprire la posta – figuriamoci i blog – e adesso vedo che la mia casella Hotmail ha più di 160 mail non lette…

Spenderò un po’ di tempo per mettermi in pari.

Per il resto, in un mese di lontananza dal web non è che abbia fatto tante cose originali, oltre a lavorare e andare in giro (per lavorare).

Giusto per fare un breve riassunto delle cose salienti, personali e non, potrei forse dire che…

  • A fine di gennaio sono stato a Roma, e non ha neanche piovuto (sì, vabbé… due gocce… e che sarà mai…)
  • Nella mia trasferta romana sono riuscito a infilare una serata con alcuni amici di blog (e ancora una volta ho ringraziato il cielo di averli incontrati, ché sono proprio delle belle persone, e ancora una volta mi sono rammaricato di non aver avuto il tempo per tutte le chiacchiere, i pettegolezzi, le risate, e ancora le chiacchiere, che avrei voluto fare con loro)
  • Sabato 5 sono stato alla manifestazione di Giustizia e Libertà al PalaSharp di Milano (ed è stato rinfrancante vedere tanta gente, ma deprimente constatare che tanto non cambia niente)
  • La settimana successiva sono stato a una riunione dei manager della mia Ditta, a Edimburgo, e ho visto un top manager scozzese, un – come si dice – Senior Vice President, presenziare la cena in gonnellino (incidentalmente, è il capo del mio capo… Troppo bello…)
  • Alla suddetta cena, il suddetto SVP si è esibito nella recitazione del famoso (?) “Address to a Haggis”di Robert Burns, poema in incomprensibile dialetto scozzese in cui si esaltano le doti della celebre pietanza scozzese, impasto di interiora di pecora e spezie cotte in uno stomaco di pecora (io l’ho sempre detto che sono un po’ selvatici, ‘sti scozzesi…)
  • Sempre alla suddetta cena, ho assaggiato per la prima volta il suddetto haggis (che poi tutto sommato non è male… e inoltre per un popolo come il nostro abituato a trippa, meusa, o pajata non è nemmeno così sconvolgente…)
  • Nella situazione politica, beh, ho visto cose che non pensavo che avrei mai potuto e dovuto vedere… E purtroppo ho dovuto vedere tutte le prime pagine di quotidiani internazionali con titoli e foto dedicati a B… E sentire i commenti dei miei colleghi britannici, o tedeschi (l’altro giorno un collega tedesco mi ricordava ammiccante che un loro ministro potrebbe essere costretto a dimettersi perché si è scoperto che ha copiato un pezzo della sua tesi di laurea senza citare le fonti…).
    Beh, se volete fare male al vostro fegato, date un’occhiata a questo pezzo trasmesso dalla tv inglese…
  • Ho visto il Parlamento del mio Paese ratificare (e condividere) con un voto ufficiale una bugia di quelle che manco un bambino di tre anni crederebbe… E invece è diventata verità di stato…
  • Ho visto il mitico agopunturista Scilipoti, per la presenza del quale nel Parlamento non finirò mai di ringraziare Di Pietro, reggere orgoglioso e commosso la cornetta di un telefono dal quale venivano le parole alate del premier, e concludere con una esortazione surreale quanto impagabile: “Presidente, tenga duro!” (niente di più inappropriato, visto che gran parte dei problemi del premier e del Paese derivano proprio da una durezza, naturale o chimica che sia…)
  • E con Scilipoti ho visto l’andirivieni dal PdL a FLI al PdL… Barbareschi, Bellotti… (Chi è Bellotti? Leggete qui, e guardate anche il filmato…)
  • Ho visto quello che è successo in Tunisia e Egitto, e ho visto che può succedere una rivoluzione pacifica (o quasi…) anche in un Paese che sembrava pietrificato, e che ancora una volta si è dimostrato che la comunicazione e i suoi mezzi moderni, la tv satellitare, i telefonini, il web, facebook, twitter, google… tutto può servire e serve a essere veicolo di democrazia (hai visto mai…)
  • E sto vedendo quello che un vecchio satiro pazzo può fare pur di mantenere il suo potere a ogni costo, e mi chiedo perché i paesi occidentali non intervengono… (che avete capito, sto parlando di Gheddafi… però a proposito, l’avete sentita l’ultima? Lì sta avendo luogo una feroce repressione e il nostro premier a domanda risponde: “Gheddafi? Non lo disturbo”… Eccerto… non vorrai mica che sbagli mira per ascoltare te… Ma io dico, ma se proprio non sa cosa dire, perché non sta zitto? )
  • Sto vedendo che ormai i politici non hanno ritegno, e sparano cazzate senza freni. Fra tutte una. Il mitico Tosi, sindaco di Verona, a Otto e mezzo su La 7 ha affermato: “Chi ha sostenuto negli anni Settanta la rivoluzione sessuale e il femminismo dovrebbe essere contento delle feste che si svolgono ad Arcore”. Dire che non capisce un cazzo è fargli un complimento…
  • Inutile dire che ho anche viaggiato, dall’inizio dell’anno mi sono già sparato 20 decolli e altrettanti atterraggi (che finché i decolli sono uguali agli atterraggi va sempre bene…), e durante questi viaggi ho letto (poco), ho ascoltato musica (un po’ di più), ho guardato dal finestrino (tanto), e ho pensato…
  • E ho pensato alla vita, ai suoi scherzi, all’amore, alla malattia, alla morte, al tempo che passa, a quello che si è fatto, a quello che non si è fatto, e a quello che non si farà mai (ebbene sì… ho qualche caduta nel depressino… I pensieri diventano “seri” e talvolta cupi… Mica dipenderà dall’approssimarsi del mio compleanno?)

E questo è tutto. Vi auguro buon fine settimana e prometto che verrò a trovarvi nei vostri pregevolissimi blog appena possibile!

P.S.: A me ‘sto post pare più sconclusionato del solito. Sarà perché ce l’ho lì da due settimane e ogni tanto lo riprendo per pubblicarlo, e poi non lo faccio… O forse sto proprio rimbambendo… Uff…

Questa voce è stata pubblicata in Blog, Riflessioni, Vita. Contrassegna il permalink.

40 risposte a Sono qui

  1. giusymar ha detto:

    Sei tornato allora…
    Mi piacerebbe leggere qualcosina di più su Edimburgo.
    Sono stata un paio di volte durante il festival ad Agosto (in una di queste occasioni avevo ascoltato anche una lecture di Doris Lessing, prima che ricevesse il Nobel) e poi un’altra volta solo per visitare una mostra. E l’ho sempre vista sotto il sole. Forse proprio perchè vista in momenti così “festaioli” ho un ottimo ricordo.
    E poi loro sono così simpaticamente fuori di testa…
    Se ti andasse di raccontarci ancora qualcosa, ti leggerei con piacere

    • paperi si nasce ha detto:

      Edimburgo è una città molto bella, sia quando c’è il sole, sia quando è grigia…
      E gli scozzesi sono fuori di testa, specialmente quando alzano il gomito.
      Io ci sono stato ta nte volte, ma… l’ho vista poco. In quanto a raccontare, lo farei volentieri, ma non trovo mai il tempo!😦

  2. fab ha detto:

    Nel resoconto hai omesso che , insieme agli altri amici romani, mi avete dato gli auguri per il mio compleanno..🙂

  3. Mariko ha detto:

    …mi accodo a Fab dicendoti che hai saltato anche la nostra chiacchierata in chat, non perchè sia di fondamentale importanza aver parlato con me, ma entrare su msn era una cosa che non facevi da moltissimo tempo…😉

  4. Lilla ... ha detto:

    parenti serpenti … un mese di silenzio assoluto anche con me, tua sorellaseparatainculla … questa, non te la perdono!!!
    vado a chiamare la sciarelli per dirle che non ti sei perso …
    PS: e piantala con ‘sta cosa dell’età … sei giovane, mica c’hai cinquantanni!!
    PPS: ma mica costringeranno anche te a mettere il gonnellino??? … certo che … sarebbe un bellissimo spettacolo!!!🙂

  5. Harielle ha detto:

    Bentornato, viaggiatore!
    Vedo che in valigia hai portato tanti bei pensieri da condividere con tutti noi.
    Se il tempo che passa trascorre così, è tempo ben speso.
    Certo, in questi tempi di Carnevale, essere italiano all’estero non è proprio un orgoglio. Mi azzardo a consigliare a molti più connazionali di viaggiare di più e sentire come si diverte il mondo alle nostre spalle, mentre qui, all’interno del nostro piccolo paese, tutto sembra normale. A proposito del ministro tedesco, costretto a dimettersi per una tesi plagiata in parte, ricordo un intervento del nostro premier, passato su Blob, nel quale colui si vantava di aver fatto da giovane mille lavori, compreso il ghost writer di tesi di laurea altrui, incurante del fatto che il suo accompagnatore gli facesse notare che la cosa non fosse legale…:)
    Ma adesso non far trascorrere un mese per un altro post, eh? A presto

  6. salmastro ha detto:

    altro che scozzesi! hai mai provato i cicciriddi sardi?????
    per il resto solo vergogna, nostra di diritto… c’è rimasta solo quella

  7. giulia ha detto:

    sul resto non commento…
    sull’haggis l’ho mangiato fuori stagione preparato dalla mia cugina scozzese…
    devo dire che mi è piaciuto…
    e una volta mi piacerebbe partecipare a una vera burns’ night…invidio la tua..
    🙂

  8. Maggie May...be ha detto:

    Il tuo post sarà sconclusionato, ma è bellissimo!

    A quando un ritrovo in Romagna? Provo tanta invidia per i vostri incontri, mi piacerebbe dare un volto alle bellissime parole di tanti amici. E soprattutto una voce!! Tutto quello che leggo nella mia mente ha un accento marcatamente romagnolo, ma dubito che nella realtà parliate così!

    A presto amico mio e grazie infinite per tutte le splendide cose che scrivi sempre di me! Non credo di meritarle, ma fanno morale!

    • paperi si nasce ha detto:

      Ti ringrazio per i complimenti al mio post, che tanto bello non mi pare. Le cose che scrivo di te sono quelle che percepisco… Pensi che mi sbaglio? Ma no…😉
      In quanto a “dare un volto” a queste parole, sei sicura di non andare incontro a cocenti delusioni? Le parole – hai detto tu – sono bellissime… Capisc’ a ‘mme!
      Ah, giusto per chiarire, non ho un accento romagnolo, men che meno marcato!🙂
      PS: comunque puoi fare anche un salto tu in Lombardia… Quando ci incontriamo la prossima volta DEVI esserci. Non venire in macchina, però!🙂

    • mizaar ha detto:

      ah, se non ci fossi stata io a farvi conoscere!!!😀

  9. micmonta ha detto:

    Io mi tengo il mio lampredotto, tu mangiati pure l’haggis se vuoi…🙂

  10. arielisolabella ha detto:

    ciao papero paperoso mi chiedevo dove eri finito…ciaooo!!!!^_^

  11. silykot ha detto:

    Toh, chi si rivede!
    Pensavo ti avessero tolto la password per entrare.

    Numero 1, ti sei dimenticato anche la mia telefonata di quella sera… vabbè….
    Numero 2, a proposito dell’ultimo punto: ma ‘sti pensieri li fai in serie, uno per volta, mescolati, sempre mentre guardi fuori dal finestrino dell’aereo???

    • paperi si nasce ha detto:

      A proposito dell’ultimo punto, i pensieri li faccio mescolati, a seconda dello stato d’animo e del luogo… In aereo poi, quando non lavoro e non leggo, ascolto un po’ di musica e guardo fuori e penso…
      In particolare c’è stato un Amsterdam-Milano ultimamente nel quale il tema è stato “e se dovessi scoprire di dover morire fra tre mesi, che farei?”… Bello, eh? Che ci vuoi fare, sono cose che capitano… Specie quando si mangia pesante…

      • silykot ha detto:

        E mo’ ci dici pure che cosa ti sei risposto!!!!!
        Allora…. che faresti in quei tre mesi???

        P.S. ti consiglio di stare per un po’ lontano dalla lounge di Lufthansa…. non ti fa bene…. no, no, no…..

      • paperi si nasce ha detto:

        Non venivo dalla Lounge Lufthansa, ma la sera prima avevo mangiato l’haggis a Edimburgo… dici che c’è un nesso?
        Che farei in quei tre mesi? Cose irriferibili…🙂
        (a parte gli scherzi, sono arrivato a una conclusione tristissima: mi sa che non farei niente. Infatti sono partito con i soliti pensieri del tipo “parto e faccio il giro del mondo”, ma poi mi sono reso conto che non me lo godrei, che sarei triste… E allora ho pensato che vivrei il più possibile normalmente, cercando di “mettere in ordine” le cose che potrebbero servire agli altri… OK, basta. Non ne parlo più!)

  12. silykot ha detto:

    P.S. Consiglio di lettura da viaggio (per cacciare i brutti pensieri): “Momenti di trascurabile felicità” di Francesco Piccolo.
    Non l’ho letto, ma il titolo promette bene, no?😉

  13. mizaar ha detto:

    che posso dire? arrivo tardi e ti hanno già detto tutto gli altri!😀
    ma il post non è sconclusionato, solo un po’ ” sbottonato “, finalmente!😀

  14. kalissa2010 ha detto:

    Bene.
    Un altro latitante, un altro amico che fa bilanci, mette ordine, insegue pensieri masochisti e pericolosi, disquisisce sugli anni che passano…
    ma bene!
    Ed io che pensavo fosse solo una mia paranoia!
    Bon, ne deduco urga un nuovo incontro, più “slow” stavolta e con la possibilità di chiacchierare di più. magari con un trasferimento, post cena, in un locale dove bere un “decaffeinato” e chiacchierare fino a tirar tardi, magari di venerdì…che il sabato si ozia!
    Che aggiungere, oltre al fatto che, come ben sai, condivido molti dei tuoi pensieri?
    Passerà…
    speriamo…
    Un abbraccio.
    Kali

    • paperi si nasce ha detto:

      Ma sì che passa, amica mia…
      E per quanto riguarda l’incontro “slow”, io sono sempre più che disposto… Anche se devo precisare che l’ultima volta ERA venerdì… Perché non hai proposto il supplemento, quando ci hanno cacciati via dalla pizzeria?🙂

      • kali ha detto:

        Ricordo benissimo che fosse Venerdì ed, infatti, ero dispostissima ad un “trasbordo” in altro locale, mi pare anche di aver proposto di andarci a prendere qualcosa altrove, ma…ho avuto l’impressione che Morfeo si fosse impossessato degli astanti e non ho insistito…
        Sarà per la prossima!

  15. kali ha detto:

    P.S.
    Mi sa che ho “cannato” qualche verbo…
    Hem…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...