Tutto vero! (Letterati lombardi crescono)

Penso che con tutto quello che succede nel mondo abbiamo bisogno di un po’ di distrazione.
Per questo, non posso fare a meno di condividere con voi una email di un collega, che è Program Manager nella ditta dove lavoro. E’ troppo bella, è un’opera d’arte. Totò e Peppino, in confronto, sono dei dilettanti.
Vi preciso che è una mail “seria”, o almeno vorrebbe esserlo, e vi assicuro che non ho modificato niente, né tolto un punto o una virgola, tranne aver sostituito due parole (che vedete fra parentesi) per motivi di privacy.
Vi raccomando di provare a leggerla con la giusta intonazione (facendo le pause solo in corrispondenza dei punti e delle virgole… quando li trovate!).

Come ci si può mai annoiare, in un posto dove ci sono colleghi così?

********************************

Carissimi,

Scusatemi se mi intrometto però ritengo di farlo perché poi le risorse sono del (Programma) di cui forse anch’io ho qualche esigenza pur capendo anche le altre.
Io credo prima di tutto che ai nostri clienti dobbiamo far capire che per capire certe problematiche bisogna applicare metodo e poi intelligenza. Il metodo è se c’è un problema deve essere evidenziato identificandone le condizioni al contorno che stimolano l’avvenimento. Questo deve essere fatto da loro e noi dare delle indicazioni eventualmente dal nostro posto. Una volta definito come far apparire il problema ci si mette l’intelligenza.

Diversamente come dice (Tizio) si corre il grosso rischio  buttar via solo del tempo inutilmente.

Inoltre non mi risulta che il problema c’era prima o non ci è mai stato evidenziato. Io credo che non dobbiamo essere noi a sentirci colpevoli prima di tutto poi far capire che le cose si scoprono con metodo e quando abbiamo la ragionevole certezza dove sta il problema si può intervenire.

Vorrei fosse chiaro non sto dicendo che vorrei che si lasciasse il cliente con il suo problema, ben lungi da me ma siccome le persone sono poche cerchiamo di sfruttarle al meglio. Il cliente per far vedere che non è solo non deve essere solo coccolato facendo solo ciò che chiede, ci sono altri modi.

fs

Questa voce è stata pubblicata in Vita. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Tutto vero! (Letterati lombardi crescono)

  1. Dream ha detto:

    Hai ragione: è come essere a Zelig🙂

    ps. chissà perchè a me Zelig non piace mmmh….

    • mizaar ha detto:

      lo sapevo, compagnuccia mia!!! pure a me zelig mette tristezza!🙂

      • Dream ha detto:

        tristezza mista a rabbia… ma che ci sarà poi da ridere?
        Io ho fatto un fioretto: rido solo per quello che mi fa stare bene.
        E tutto questo non ci si avvicina minimamente!

        E poi… chiamatemi pure ‘Drastica’ tsè😛

  2. silykot ha detto:

    🙂
    Io toglierei quel “fs” di firma, o potremmo pensare che sono le tue iniziali!
    Ho fatto una fatica nera a leggerla e ci ho capito proprio poco, pur sforzandomi… chissà se lui si è capito???
    Spero che costui non intrattenga rapporti con colleghi esteri…. non oso pensare a cosa sarebbe diventata questa mail in inglese!!!!

    • paperi si nasce ha detto:

      Caspita, è vero… Ma non sono io, eh!
      Non so se lui si è capito, ma ti assicuro che ha scritto esattamente come parla… Spesso fa le mail tutte in maiuscolo… Ne devo cercare qualche altra, dai…
      (e comunque anche in inglese fa così!)

  3. Lilla ... ha detto:

    scusa … a quale pagina di televideo trovo i sottotitoli???

  4. Lilla ... ha detto:

    PS: “Vorrei fosse chiaro …” UAH UAH UAH … un vero comico!!!🙂

  5. Maggie May...be ha detto:

    Io ho dei clienti stranieri con lontane origini italiane o che hanno studiato l’italiano e scrivono molto meglio di così!!
    Scusa ma… per curiosità… che titolo di studio ha questo tuo collega???

  6. giulia ha detto:

    “Io credo prima di tutto che ai nostri clienti dobbiamo far capire che per capire certe problematiche bisogna applicare metodo e poi intelligenza. ”

    non è che ha dei parenti anche da noi?
    io l’altro giorno ho rivisto un contratto dove c’era qualcosa tipo “veniamo noi questa mia a darvi (nome dell’oggetto)..
    nei pagamenti mi aspettavo che “questa moneta servono”
    😀

  7. fab ha detto:

    ma usa il traduttore di google?

  8. arielisolabella ha detto:

    sembra il mio capo areaaa!!!!UAHAUAHUAH!!!!!

  9. arielisolabella ha detto:

    senti me la presti per inserirla in un romanzo come esempio di chiarezza intellettuale e concisione????ehhhhhhhhhh?????^_^

  10. kali ha detto:

    C’è stata una moria delle vacche?
    Ma lo sapeva dove doveva andare per dove doveva andare?

    Confuso e felice…
    mah!

  11. micmonta ha detto:

    ogni tanto una mail del genere arriva anche a me e alleggerisce la giornata🙂

    quanto alle lettere, oltre a quella di Totò, ci aggiungerei quella di Benigni-Troisi scritta al Savonarola in Non ci resta che piangere.🙂

  12. mizaar ha detto:

    attendo fiduciosa chiarificazioni sugli altri modi, amen!😀
    ho fatto leggere questo brillante testo a mio figlio, studente del classico. mi ha detto di rispondere al ” letterato “: fratello, ti stimo!🙂🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...