La valigia dei ricordi

Credo che ognuno di noi abbia una scatola, un cassetto, uno scompartimento di armadio nel quale sono raccolti e conservati pezzi di una determinata fase della vita, rimasti (in maniera casuale o voluta) congelati e separati dallo scorrere normale degli eventi.

Io ne ho diversi, e posso dire fra l’altro di avere un’intera camera con queste caratteristiche, dal momento che il mio studiolo nella casa materna è rimasto più o meno fermo nel tempo al giorno in cui ho lasciato la terra natìa, e nessuno ha più toccato i miei appunti e libri dell’Università, le mie foto, i miei diari del Liceo, perfino i diplomi del Club di Topolino!

Ma ho un altro oggetto abbastanza insolito con queste caratteristiche, ed è una valigetta.

Si tratta di una Samsonite con più di venti anni di età, di quelle di materiale plastico indistruttibile, che ancora si vedono in giro di tanto in tanto. Non mi ricordo come ne entrai in possesso. Forse fu un regalo di laurea. Perché all’ingegnere, ai tempi, si riteneva si addicesse la valigetta.

samsf
(La mia valigetta Samsonite)

Fra le altre cose, questa valigia aveva una caratteristica particolare: nelle giornate fredde e secche d’inverno, essendo di materiale plastico, tendeva a caricarsi di elettricità statica per lo sfregamento sugli indumenti e di tanto in tanto, attraverso i numerini metallici della combinazione che si trovano in corrispondenza dell’impugnatura, scaricava delle dolorose scintille sulla mano del portatore…😦
A parte questo difetto, era uno strumento molto comodo e pratico, che io usavo per portare documenti, carte, libri e altre simili amenità avanti e indietro dall’ufficio o nelle mie trasferte.

Poi un bel giorno è arrivato il computer portatile, corredato della sua borsetta a tracolla, e da quel momento la valigetta Samsonite è andata in armadio… ma senza nemmeno svuotarla!

Non molti mesi fa mi è capitata sott’occhio, e ho considerato che per viaggi di breve durata, che comportassero una sola notte fuori casa, potesse svolgere ancora egregiamente la funzione di contenitore dei miei effetti personali. Allora l’ho presa, e mi si è aperto un mondo!

Già guardandone l’esterno, e riconoscendo certi segni sulla sua superficie, sono riemersi dalla mia memoria alcuni ricordi legati a un periodo non particolarmente sereno della mia vita.

Ma il vero salto nel tempo l’ho fatto aprendola, perché dentro ci ho ritrovato un pezzetto di storia lavorativa e familiare, di viaggi e di vita, di un periodo approssimativamente compreso fra il 1995 e il 2000…

Oltre a due penne e ad un evidenziatore che – ovviamente – non funzionano più, e oltre a un puntatore telescopico (così “professorale”, di quelli che si usavano durante le presentazioni prima che nascessero quelli laser…), in una taschina c’erano miei biglietti da visita di quando il mio ruolo e anche il nome della Ditta erano diversi.

E c’erano le solite e immancabili tesserine e promemoria di programmi di fidelizzazione di compagnie aeree, alberghi e compagnie telefoniche.

In un’altra taschina c’erano i piccoli block notes che si trovano nelle camere d’albergo accanto al telefono, “trafugati” in vari hotel del mondo, che mi hanno ricordato il mio passaggio al Michelangelo di Johannesburg, all’Intercontinental di Caracas, a un hotel Eldorado di qualche posto in Brasile che non ricordo, all’Avari di Lahore (unico soggiorno per turismo fra quelli elencati, sebbene nel mezzo di una trasferta), all’Hilton di Rabat, al Royal Plaza di Singapore, e al Marriott di Islamabad che in quel periodo avevo lungamente frequentato… Quanto viaggiavo allora!

Ma c’erano, soprattutto, i disegni e i regalini di mia figlia.
Ebbene sì, perché la mia (allora) piccola in quel periodo aveva preso l’abitudine di regalarmi un suo disegno ogni volta che partivo, “nascondendomelo” nel bagaglio. Era diventato quasi un rituale scaramantico, io “ritrovavo” il regalo una volta a destinazione, e lo conservavo. E li ho ritrovati tutti lì, nella valigetta.
Sfogliando questi disegni ho provato una grande tenerezza e nostalgia, rimpiangendo un tempo che non tornerà più, in cui lei era bambina e non aveva ancora sviluppato quella ritrosia nel dichiarare il suo affetto che inesorabilmente emerge con l’arrivare dell’adolescenza.

Ho sognato e riso un po’ rivedendo attraverso queste sue interpretazioni, a loro modo rigorose e spesso ironiche, l’idea che aveva del mio lavoro, delle cose che riteneva facessi in viaggio,  dei luoghi nei quali andavo, quei Paesi lontani che lei conosceva attraverso le mie descrizioni.

Anche ora i disegni sono rimasti nella valigetta, e mi fanno compagnia ogni volta che la uso.
Continuando a guardarli, però, sono anche arrivato a una conclusione non proprio esaltante: mia figlia doveva pensare che io al lavoro fossi un gran pasticcione, e che andassi in trasferta più o meno soltanto per mangiare. Lo penserà ancora? Uno di questi giorni prendo il coraggio a due mani e glielo chiedo…

pap_trasf_1
(Trasferta in Brasile: dibattuto tra dovere e piacere (ovviamente gastronomico))

pap_trasf_3
(Partenza: famiglia al completo che saluta)

  pap_trasf_4apap_trasf_4c rev
(Viaggio in Israele con istruzioni di comportamento)

pap_trasf_6apap_trasf_6d pap_trasf_6ed
(Viaggio in Brasile, e ancora preoccupazioni per eventuali eccessi alimentari…)

pap_trasf_7a pap_trasf_7b
pap_trasf_7c pap_trasf_7d
pap_trasf_7e pap_trasf_7f
(Ancora in Brasile, con un dilemma sulle reali motivazioni del mio viaggio:
Messa a punto (malriuscita) del prodotto. Supporto commerciale, o… il solito ristorante? (quello nell’ultima immagine è uno spiedo da churrasco brasiliano)

pap_trasf_9
(Ovviamente a un certo punto la sorella minore, vedendo il lavoro dell’altra e per non essere da meno, ha cominciato a prendere la stessa abitudine…
Cosa è rappresentato in quest’opera? E che ne so… chiedete a lei!)

Questa voce è stata pubblicata in Viaggi, Vita e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a La valigia dei ricordi

  1. Lilla ... ha detto:

    Deliziosi i disegni!
    Ps: Più che chiedere alla piccola il significato dell’ultimo disegno … io chiederei alla grande chi è quel signore che, con mamma e figlie, saluta papà sull’aereo nel secondo disegno!!😉

  2. giusymar ha detto:

    che meraviglia…lo sai che mio marito ha nella tasca interna della sua valigetta disegni, foto, e ricordini della nostra figliola? Persino un segnalibro mio…chissà…proprio vero che quando si lascia casa, anche solo per qualche giorno, si ha bisogno di un tocchetto dei nostri cari in valigia con noi…
    PS: belli i disegni!!!!!!!! ne puoi fare un bel album di ricordi da regalare ai futuri nipoti…

  3. arielisolabella ha detto:

    Ahh sono deliziosi..anch io conservò gelosamente i disegni di mia figlia…i nostri tesori più’ grandi.notte

  4. kalissa2010 ha detto:

    Il tempo passa trasformando.
    Aggiunge, toglie o muta.
    Gli effetti si notano su tutte le “cose”,
    anche perchè la malinconia ci punta un bel faro sopra.
    Capita così, di scrivere o leggere, post impensabili qualche anno prima.
    Leggessero questo le Tue figlie, ormai donne, forse ti vedrebbero con occhi nuovi, forse sorriderebbero rivedendo i loro piccoli capolavori d’affetto…
    Ma il significato delle opere d’arte, quello no! Non lo si chiede mai ad un artista!

  5. unpodimondo ha detto:

    Anch’io ho cassetti con disegni e quaderni di mia figlia… Ogni volta che li apro è un tuffo al cuore venato di malinconia per il tempo che non tornerà più… Però fanno tanta tenerezza….

  6. fab ha detto:

    che tenero questo post…
    l’animo umano ci fa così simili gli uni agli altri che alla fine ci “ritroviamo” nelle stesse cose, negli stessi gesti…un giorno mostrerai ai tuoi nipotini i disegni delle loro mamme e sorriderai con tenerezza ancora più forte al ricordo…conservo tutti i “capolavori” del pargolo, i bigliettini..

  7. Maggie May...be ha detto:

    Le tue figlie son cresciute a Topolino eh? Fumettiste in erba😉 Però che teneri questi ricordi! Il mio babbo conserva le letterine che gli scrivevo io da piccolina e che gli facevo trovare sotto al piatto al pranzo di Natale (nella mia zona c’è questa tradizione).

  8. mizaar ha detto:

    che tenerezza i figli! anch’io conservo una infinità di disegni e carte e compiti e altre amene porcherie di mia produzione! il frigo è tappezzato di disegni dei ” piccoli ” – e tu non sai quanto a mio marito tutto questo ” disordine ” dia fastidio!😀

  9. silykot ha detto:

    Ma come souvenirs dei tuoi viaggi portavi alle bambine i menu dei ristoranti??😀
    Solo due note da psicologa:
    1) chi è il tizio che saluta, se il papà è sull’aereo? (e qui la sorellina tua mi ha preceduto, ma non potevo esimermi…. e ci vorrebbe Caffeina a darti il colpo di grazia!)
    2) più di uno fa riferimento a quando mostrerai questi disegni ai tuoi nipotini…. forse che qualcuno cominci a fare caso all’età che avanza e a qualche filo d’argento tra i capelli?

    P.S. Quanto è carina, la Samsonite!😉

  10. kalissa2010 ha detto:

    Se non ricordo male, domani sarà il tuo compleanno, quindi: Tantissimi Auguri…con qualche ora di anticipo! ت

  11. Diemme ha detto:

    Non esiste niente di più meraviglioso e incommensurabilmente stupendo dei figli!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...