Lagna continua

Ebbene sì, sono un po’ lagnoso ultimamente.

Il lavoro non mi dà tregua, costringendomi pure a frequenti trasferte mordi e fuggi, ma soprattutto alla sera ho pochissima voglia di mettermi al PC con impegno.

Ha contribuito la parziale defaillance del mio computer, di cui già vi parlavo, che adesso non mi permette di scrivere post “off-line” (mezzo col quale potevo sfruttare qualche frazione della pausa pranzo al lavoro per impostare qualche pensiero…).

C’è anche uno stato d’animo di attesa, di sospensione, che non credo riguardi solo me, perché lo sento palpabile fra gli amici, fra la gente, nelle strade.

Incertezza, preoccupazione, una attesa ansiosa del futuro che non credo di aver mai visto in vita mia finora.
La Ditta nella quale lavoro ha proclamato lo stato di crisi, le trattative con i sindacati sono in corso, ma c’è aria di pesanti tagli all’organico, con ricorso alla cassa integrazione: anche l’atmosfera che si respira nei corridoi e alla macchinetta del caffé non è quella solita.

E poi in giro per le strade si vedono (anche nella “ricca” Lombardia) sempre più evidenti i segni della crisi, sotto forma di chiusura di esercizi commerciali anche storici, apertura di nuove forme di commercio che si adattano ai tempi, una riduzione del traffico commerciale che comincia a essere palpabile.
Prima o poi vi racconterò le mie sensazioni.

Nel frattempo però la mia casella di posta legata al blog mi segnala duecentodieci mail non lette (tutte notifiche di vostri nuovi post), e l’ultimo mio post (peraltro di scarso contenuto) è del 31 maggio.

Dovrei raccontarvi del bellissimo concerto di Bruce Springsteen a cui ho assistito in un San Siro gremito all’inverosimile (il Boss ha cantato 34 canzoni da par suo, fra cui l’intero album “Born in the USA”, in tre ore e mezza senza un minuto di interruzione…), e del piacevole concerto di Bollani con la filarmonica della Scala a cui ho assistito in piazza del Duomo a Milano (e dove incidentalmente in mezzo alla folla ho incontrato Maria – il Teorema del Pappagallo: ve la ricordate? Fra l’altro ho scoperto che in febbraio si era riaffacciata sul blog, ma io non la seguivo e non me ne sono accorto…😦 ).
Dovrei anche raccontarvi di alcune “esperienze” di viaggio e lavorative, tra cui il mio “battesimo” con Ryan Air, la prima delle low cost)…

Ma sì, lo farò… Non faccio promesse (o minacce?) ma qualche sforzo in più proverò a farlo.

Anche se, con ‘sto caldo…

A presto!

Questa voce è stata pubblicata in Blog, Vita. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Lagna continua

  1. Maggie May...be ha detto:

    Bruce sono andata a sentirlo a Padova, dopo il diluvio di Firenze dello scorso anno. Ha fatto “solo” tre ore, ma da par suo, comprese tutte le canzoni di Born to run. E alle 17,30 è uscito da solo con la chitarra acustica e l’armonica a bocca a fare due pezzi… tanto per scaldare il pubblico che era già lì, noi compresi. Davvero una bellissima esperienza anche se il concerto dello scorso anno rimane più “epico”.
    L’aria di crisi si sente un po’ ovunque; nella mia città hanno aperto solo negozi “compro-oro” e di sigarette elettroniche… Gli altri lentamente chiudono; aprono centri commerciali dove il ricambio di negozi si sussegue rapidamente e nemmeno i grandi franchising reggono. Aspettiamo, sperando che prima o poi le cose cambino. E che cambino in meglio!

    Un abbraccio e buona serata!

  2. lagattasultetto ha detto:

    Bello il concerto del boss?
    Io ci vado a Roma fra un mese🙂
    (Ah, a fine giugno siamo a. Milano per bon jovi)

  3. unpodimondo ha detto:

    Anche da me i negozi chiudono tutti e le strade sono tappezzate di cartelli “Vendesi” e “Affitasi” che tra l’altro sono tutti sbiaditi… (all’origine dovevano essere fluorescenti)

  4. silykot ha detto:

    Anche il battesimo con Ryan Air è segno dei tempi….. ahimè…..

  5. mizaar ha detto:

    che ti devo di’… volevo sentire dettagli sul boss e invece poco poco di tutto. va be’ cercherò di accontentarmi, ma cambialo ‘sto computer, papero, sennò mi fai venire il singhiozzo con tutti i commenti che mi lasci tutti insieme!😛
    me la ricordo maria, altroché!😀

  6. Diemme ha detto:

    Ti aspettiamo (mi ero pure preoccupata, mi riproponevo di farti uno squillo). L’arretrato delle notifiche dei post a un certo punto diventa cronico e ci si abitua. Io ho superato quota mille.

    Per tutto il resto, attività commerciali comprese, è una tristezza, chiudono librerie storiche, alimentari, negozi di articoli da regalo, e aprono immonde sale giochi e negozi di tatuaggi: mala tempora currunt!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...