Cinque e Quattro

Mi faccio un regalo (fino a mezzanotte vale ancora)


(James Taylor, 1977: Secret O’ Life)

The secret of life is enjoying the passage of time.
Any fool can do it, there ain’t nothing to it.
Nobody knows how we got to the top of the hill.
But since we’re on our way down, we might as well enjoy the ride.
The secret of love is in opening up your heart.
It’s okay to feel afraid, but don’t let that stand in your way.
Cause anyone knows that love is the only road.
And since we’re only here for a while, might as well show some style. Give us a smile.
Isn’t it a lovely ride? Sliding down, gliding down,
try not to try too hard, it’s just a lovely ride.
Now the thing about time is that time isn’t really real.
It’s just your point of view, how does it feel for you?
Einstein said he could never understand it all.
Planets spinning through space, the smile upon your face, welcome to the human race.
Some kind of lovely ride. I’ll be sliding down, I’ll be gliding down.
Try not to try too hard, it’s just a lovely ride.
Isn’t it a lovely ride? Sliding down, gliding down,
try not to try too hard, it’s just a lovely ride.
The secret of life is enjoying the passage of time.

Pubblicato in Juke Box, Senza categoria, Vita | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Movimenti lavorativi

(Sottotitolo: Eravamo stati in pace per un po’)

Una categoria di vicende personali e professionali nelle quali questo blog mi ha sempre seguito è quella dei miei traslochi da un ufficio all’altro.

Devo premettere che solo chi vive o ha vissuto in un ufficio conosce i drammi, le macchinazioni, le congiure e le tattiche che si nascondono dietro l’assegnazione o la scelta di un posto in un ufficio.
La posizione e la dimensione del locale, la sua esposizione, le caratteristiche “edilizie”, il numero, lo stile e la vetustà dei mobili, la ricchezza delle suppellettili, la presenza e l’unicità delle dotazioni tecnologiche, sono tutti parametri che possono indurre mansueti travet a trasformarsi in mostri assatanati, disposti a ogni perfidia e compromesso per poter avere un metro in più, la lampada più elegante, o il telefono più moderno.

Personalmente, non riesco ad appassionarmi a queste dinamiche. Mi piace avere un ufficio confortevole, ci mancherebbe. E spazioso abbastanza per distribuire opportunamente le mie scartoffie senza sembrare immerso nel casino. Ma ho sempre cercato di stare alla larga dall’ansia da inseguimento dell’ufficio, e al relativo stress da trasloco, e destinare le mie energie a miglior causa.

Malgrado questo, come chi mi legge da tempo sa bene, nella mia vita lavorativa degli ultimi anni ho “sopportato” un discreto numero di cambi di ufficio.
Voi mi avete seguito nel trasloco-esodo dal secondo piano della vecchia sede al terzo della nuova, con la ventina di scatoloni che hanno trovato definitiva sistemazione nella nuova sede solo dopo alcuni mesi.
Poi mi avete accompagnato nel passaggio dal terzo al secondo piano, prima verso un ufficio e dopo poco verso un altro più ampio, per l’arredo del quale avevo anche lanciato un prestigioso concorso di architettura.

Dopo di quello, sono stato tranquillo per un bel po’. Ma alla fine, come tutti gli incubi che prima o poi ritornano, un bel giorno dello scorso dicembre il mio capo mi ha detto: “a fine anno qui al terzo piano si liberano un po’ di uffici,  penso che sia il caso che tu ti trasferisca in uno di quelli”.
Ora, io nel mio ufficio stavo bene, mi ero affezionato alla vista di cui godevo dalla finestra, caratterizzata dalla presenza incombente di un traliccio dell’alta tensione, ma anche abbellita (almeno nelle rare giornate di tempo limpido) dal profilo dei rilievi delle Prealpi comasche e bergamasche.

20140922_143651
Panorama con traliccio, in giornata di sereno

20150206_091409
Panorama innevato

Ma al capo non si può dire di no, e ho lentamente cominciato a convincermi della ineluttabilità dell’evento.

Un po’ di settimane orsono, il trasferimento è stato effettuato. Contrariamente a quanto temevo, è stato rapido e indolore, perché non ho dovuto nemmeno fare gli scatoloni e mi hanno trasferito i mobili senza nemmeno svuotarli.
Adesso – mentre consulto il manuale Fantozzi-Filini per capire se il passaggio dal secondo al terzo piano vale di più della riduzione di metri quadri, e per valutare se la diminuita distanza (fisica) dal capo va interpretata come un bonus o come una sfiga – mi sto lentamente adattando al fatto che la tastiera del computer è ora alla mia destra mentre prima era a sinistra… Per il momento, ho rimediato solo una buona quantità di ginocchiate contro la gamba del tavolo, che è dal lato “sbagliato”.

Dimenticavo. Posso non fare un accenno al nuovo panorama? Eccolo qui, in foto panoramica (scusate ma il tempo è brutto. Metterò foto più “bella” appena possibile). Elettrodotto, parcheggio, pianura a perdita d’occhio, e campo di calcetto quasi in primo piano. Vediamo il lato positivo: d’estate, quando la copertura sarà tolta, potrò guardarmi pure la partita standomene comodamente in ufficio…

20150204_104645

Pubblicato in Lavoro, Vita | Contrassegnato | 1 commento

No more teens

Da ieri, un altro “tick in the box” nel cammino della vita mia e della mia progenie.

Da ieri, non ci sono più teenagers nella mia famiglia.

Da ieri, sono ancora un pochettino più vecchio, ma – al diavolo – mi sento tanto carico di energia e di gioia.

Ieri la mia figlia “piccola” ha compiuto vent’anni.

La mia bambina ha messo il due davanti alla sua età, e mi ha confessato che le sembra tanto strano…
Lei non lo sa (anche se forse lo immagina), ma ieri almeno simbolicamente ha inaugurato un periodo che determinerà la forma di tutto il resto della sua vita.
So che lo affronterà con tanta serietà ma anche con una buona dose di spensieratezza.

Ecco, piccola mia, una sola cosa ti dico: non perderla mai, la spensieratezza.

Auguri!

Pubblicato in Vita | Contrassegnato , | 3 commenti

La #buonascuola. Con l’apostrofo

Originally posted on Il nuovo mondo di Galatea:

IMG_0821
Un’anno. Con l’apostrofo. E questi vorrebbero scrivere la riforma della scuola. Quando, al massimo, dovrebbero tornare a fare le aste sul quaderno di prima elementare.

View original

Pubblicato in Senza categoria | 3 commenti

Proporzioni

Ho amato e amo, ai limiti della venerazione, Pino Daniele e la sua musica, e ho sofferto tantissimo per la sua fine assurda e prematura.

Tuttavia non posso fare a meno di pensare che se avessi avuto la possibilità di vedere gli italiani (e i napoletani in particolare, me incluso) partecipare al lutto per la morte di Francesco Rosi – il regista di Salvatore Giuliano, Le mani sulla città, Il caso Mattei, Cristo si è fermato a Eboli, Tre fratelli – con un cinquantesimo dell’intensità appassionata con cui hanno pianto Pino Daniele e con cui hanno espresso il desiderio di onorarne la memoria nella città natale… beh, avrei pensato, almeno per un attimo, di vivere in un Paese migliore.

Pubblicato in Riflessioni | Contrassegnato , , , , , , | 4 commenti

Non si può prescindere

Federico, Marcello e Anita si saranno sicuramente ritrovati, davanti a una Fontana di Trevi fra le stelle.


(Federico Fellini. La Dolce Vita, 1960)

Buon viaggio, Anita.

Pubblicato in Letture, Cinema, Spettacolo..., Notizie e politica | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Je suis Charlie

paperi si nasce:

Non c’è bisogno di aggiungere altro.

Originally posted on Sono Storie:

je suis charlie - Magnus Shaw 7 gennaio 2015

“Io sono Charlie” perché, nonostante l’orrore e lo sgomento, come ha scritto lo sceneggiatore Roberto Gagnor dobbiamo continuare a:

difendere la libertà di ridere di quello che ci pare.

(Vignetta rielaborata da Magnus Shaw @TheMagnusShaw)

View original

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento